Regione contro Roma su piccoli ospedali

La Regione è pronta a difendere in tutte le sedi la propria autonomia sulle scelte fatte in merito alla riorganizzazione della rete ospedaliera sulla base del decreto ministeriale 70. Lo annuncia l'assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, che replica al senatore del Psd'Az-Lega Christian Solinas che ha parlato di bocciatura della proposta sarda da parte del ministero sulla definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera. "Il senatore Solinas cerca di mischiare le carte, soffermandosi sul fatto che avrei nascosto il parere del Ministero della Salute e non, invece, sul parere stesso, che di fatto porterebbe alla chiusura dei nostri ospedali - attacca Luigi Arru - Il documento è stato protocollato il 7 settembre ma spedito via PEC dal Ministero solo ieri. Fatta questa premessa - prosegue -, siamo pronti a confermare e difendere quanto contenuto nella Rete voluta dalla Giunta, dalla maggioranza e dal Consiglio regionale". "Non abbiamo stravolto il Dm 70, ma abbiamo utilizzato le prerogative che ci assegna per salvare ospedali difficilmente raggiungibili a causa dei collegamenti stradali e delle infrastrutture - aggiunge - Il senatore su questo non interviene, però, di fatto sposando la linea del Ministero, e quindi del Governo, che porterebbe alla chiusura dei nostri ospedali. Il tutto alla faccia dell'Autonomia, rivendicata in Sardegna, dimenticata all'ombra della Lega". Nel frattempo, però, non si placano le polemiche. Il consigliere regionale Michele Cossa parla di "schiaffo da parte del Ministero al Piano degli Ospedali sardi" come "ciliegina avariata sulla torta rancida del disastro della sanità sarda". e sollecita le dimissioni dell'assessore Arru e "della sua corte dei miracoli di scienziati incompetenti". Articolo1-Sdp, invece, punta il dito contro il governo che "con la richiesta di applicare il Decreto Ministeriale 70 attua la condizione di un pesante ridimensionamento dei servizi sanitari offerti nei territori, e la chiusura, nel giro di poche settimane, degli ospedali di Iglesias, Guspini, Isili, Muravera, Bosa, La Maddalena, Tempio, Ozieri, Ghilarza e Lanusei.(ANSA).

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Samatzai

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...